Avviso

Frenulo

Il frenulo del pene è il sottile lembo di pelle che unisce inferiormente la punta del pene, cioè il “glande”, alla pelle che ricopre la punta del pene, cioè il “prepuzio”.

Fig14.1
Figura 1: la freccia indica il frenulo

Il frenulo ha un’ampia variabilità tra le persone sia nel senso di robustezza e spessore, che di livello di inserzione, cioè attaccatura, sul glande. In prossimità del frenulo vi è una elevata densità di ricettori che trasmettono la sensazione del piacere, similmente alla regione della corona del glande.


Brevità del frenulo

Quando si è in presenza di una tensione/trazione del frenulo sul glande, o in flaccidità abbassando manualmente il prepuzio, come nella figura 2, o in erezione, come in figura 3, siamo in presenza della cosiddetta “brevità del frenulo”, o “frenulo breve”.

fig14.2
Figura 2: frenulo breve evidenziato in flaccidità


Fig14.3
Figura 3: frenulo breve evidenziato in erezione

    
Lacerazione del frenulo

Ai primi rapporti sessuali o con masturbazione vigorosa si può incorrere nella lacerazione del frenulo, che determina dolore e sanguinamento di vario grado; lungo il frenulo passa infatti una piccola arteria. In questi casi: niente paura: l’atteggiamento immediato più corretto è tamponare la ferita, comprimendo il glande tra pollice e indice all’altezza della lacerazione. Se questa manovra non è risolutiva è necessario rivolgersi ad un pronto soccorso, dove normalmente, dopo anestesia locale, viene regolarizzata la lacerazione e vengono dati dei punti di sutura.
Se la lacerazione è stata solo parziale e determina dolore a rapporti successivi si è a rischio di poter incorrere in ulteriore lacerazione o microlacerazioni. A questo punto è consigliabile la correzione chirurgica ambulatoriale (cioè “frenuloplastica”), che è indolore e definitiva.

Frenulo breve ed eiaculazione precoce
La brevità del frenulo è spesso messa in relazione a problematiche di eiaculazione precoce: un frenulo breve che va in trazione durante il rapporto sessuale teoricamente può determinare una iperstimolazione dei ricettori che trasmettono la sensazione del piacere, determinando una minor latenza eiaculatoria. Ma non è necessariamente detto che il frenulo breve sia la causa di una  eiaculazione precoce, così come non è detto che la correzione chirurgica della brevità del frenulo risolva un problema di eiaculazione precoce. Una strategia spesso usata per indagare la responsabilità o meno del frenulo sulla precocità consiste nel desensibilizzare temporaneamente il frenulo mediante crema anestetica, e valutare se ciò migliora la latenza eiaculatoria. In caso di risposta affermativa, questo dato suggerisce (ma NON ASSICURA) un ruolo causale della brevità del frenulo sull’eiaculazione precoce, rendendo più motivato un eventuale intervento di frenuloplastica, che comunque non darà garanzie ASSOLUTE di risoluzione del problema di precocità.


Trattamento del frenulo breve: la frenuloplastica

La correzione chirurgica della brevità del frenulo prende il nome di frenuloplastica. Consiste in un intervento che, mediante l’incisione del frenulo, ha come obiettivo il rilasciamento della tensione preesistente, presente in particolare in erezione.
La frenuloplastica non va confusa con la circoncisione, che consiste invece nell’asportazione della cute che ricopre il glande (o “prepuzio”), lasciando così il glande stesso scoperto. In corso di circoncisione si esegue solitamente anche l’incisione del frenulo.
Le principali indicazioni alla frenuloplastica sono:
-frenulo che va in tensione durante l’erezione, determinando fastidio o vero e proprio dolore;
-lacerazione incompleta del frenulo, che dopo la guarigione determina durante i rapporti fastidio/dolore, o microlacerazioni;
-brevità del frenulo come (con-)causa di eiaculazione precoce.
La frenuloplastica è un intervento chirurgico ambulatoriale che si svolge in anestesia locale (mediante infiltrazione sul frenulo, o con crema anestetica). La durata dell’intervento è di circa 20 minuti. La sutura cutanea viene effettuata con punti riassorbibili, che “cadono” in media dopo 10 giorni circa.
Di norma i rapporti sessuali possono essere ripresi dopo una ventina di giorni dall’intervento. Alla ripresa dei rapporti è consigliabile un minimo di cautela, e l’uso del preservativo, per evitare che la frizione della penetrazione si ripercuota sul punto più debole: la zona della frenuloplastica. Di norma rapporti liberi, senza preservativo, possono essere ripresi dopo circa un mese dall’intervento.