Avviso

Fimosi

Fig. 1 FimosiLa fimosi consiste in un restringimento dell'orifizio prepuziale, il prepuzio è la pelle che ricopre la punta del pene. La fimosi causa una difficoltà ad abbassare la cute per scoprire la punta del pene, detta anche “glande”. Quando  si arriva alla impossibilità di scoprire il glande si parla di fimosi serrata. Quando la difficoltà è presente solo in erezione per l’espansione del glande, si parla di fimosi funzionale.  
La fimosi può essere congenita, o acquisita.


Fimosi congenita: presente fin dalla nascita. Solo quando è serrata ha però indicazione chirurgica; negli altri casi, e comunque dopo il primo anno di vita,  è opportuno che, dopo il bagno tiepido, la madre tenti dolcemente di vincere la resistenza della pelle per farle acquisire progressiva elasticità.


Fimosi acquisita: si manifesta in età adulta in un uomo che sino ad allora non aveva avuto alcun problema, a causa di ripetute infiammazioni del prepuzio (soprattutto, ma non solo, in soggetti diabetici), o all’ini9zio dell’attività sessuale, che mette in evidenza una fimosi funzionale prima non riconosciuta.
La fimosi predispone a:

1. accumulo di smegna. Lo smegma è dato dall’accumulo di secrezioni prodotte da ghiandole presenti nel foglietto prepuziale interno e e nel glande. Tali secrezioni permettono alla pelle del prepuzio di scorrere sul glande. Normalmente, con buona igiene locale non si formano accumuli smegmatici. In caso contrario si accumula appunto lo smegma, che si presenta biancastro, in forma di scaglie o cremoso, e si raccoglie nel solco sotto il glande. Le raccolte smegmatiche sono a rischio di crescita di batteri, soprattutto se esistono condizioni favorenti (es. diabete). Le conseguenze più frequenti sono infiammazioni del glande e del prepuzio che possono essere trasmesse anche alla partner;

2. fastidio/dolore durante i rapporti sessuali, e talora anche difficoltà di erezione ed eiaculazione precoce;

3. rischio aumentato di tumore del pene. Questo tumore, peraltro rarissimo (1 caso ogni anno su 100.000 uomini), può essere prevenuto anche con una buona igiene locale e, in caso di fimosi, effettuando una correzione chirurgica mediante l’intervento di circoncisione (vedi sotto). I non circoncisi non si preoccupino: l'aumento del rischio di cancro del pene resta comunque estremamente limitato.

Dal punto di vista della terapia, è possibile utilizzare pomate antibiotiche e antiinfiammatorie, ma la loro efficacia è limitata. La soluzione definitiva è affidata alla chirurgia, mediante la circoncisione. Questo è un intervento ambulatoriale, eseguito in anestesia locale, che consiste nell’asportare il prepuzio. A termine intervento il glande pertanto rimane scoperto, e si adatta nel giro di poche settimane alla nuova sensibilità. In genere si usano dei punti riassorbibili, che cadono da soli nel giro di circa 10 giorni.